Mercoledì 25 Gennaio 2017

da Mangia, prega, ama

Alla fine sono arrivata a credere in una ricerca che io chiamo la fisica dell'anima:  una forza della natura governata da leggi reali quanto la legge della gravità. 

La regola di questo principio funziona più o meno cosi: se sei abbastanza coraggioso da lasciarti indietro tutto ciò che é familiare e confortevole e che può essere qualunque cosa -dalla tua casa a vecchi rancori-  e partire per un viaggio alla ricerca della verità sia esterna che interna, se sei veramente intenzionato a considerare tutto quello che ti capita durante questo viaggio come un indizio,  se accetti tutti quelli che incontri durante questo viaggio come insegnanti e se sei preparata soprattutto ad affrontare e perdonare alcune realtà di te stessa veramente scomode allora la verità non ti sara preclusa. 

 

Mercoledì 18 Gennaio 2017

Se puoi vedere distrutto il lavoro di tutta la tua vita

e senza dire una parola ricominciare,

se puoi perdere i guadagni di cento partite

senza un gesto e senza un sospiro di rammarico,

se puoi essere un amante perfetto

senza che l'amore ti renda pazzo,

se puoi essere forte senza cessare di essere tenero

e sentendoti odiato non odiare, pure lottando e difendendoti.

Se tu sai meditare, osservare, conoscere,

senza essere uno scettico o un demolitore,

sognare senza che il sogno diventi il tuo padrone,

pensare senza essere soltanto un pensatore,

se puoi essere sempre coraggioso e mai imprudente,

se tu sai essere buono e saggio

senza diventare nè moralista, nè pedante.

Se puoi incontrare il Trionfo e la Disfatta

e ricevere i due mentitori con fronte eguale,

se puoi conservare il tuo coraggio e il tuo sangue freddo

quando tutti lo perdono.

Allora i Re, gli Dei, la Fortuna e la Vittoria

saranno per sempre tuoi sommessi schiavi

e, ciò che vale meglio dei Re e della Gloria,

Tu sarai un uomo.

Di Rudyard Kipling

Mercoledì 11 Gennaio 2017

Tutti noi ci trasformeremmo se avessimo il coraggio di essere ciò che siamo.

Non soffriamo dei nostri vizi, soltanto di non saperli accettare con rassegnazione.

Di Marguerite Yourcenar

Mercoledì 4 Gennaio 2017

Se io potessi vivere un'altra volta la mia vita

nella prossima cercherei di fare più errori

non cercherei di essere tanto perfetto,

mi negherei di più,

sarei meno serio di quanto sono stato,

difatti prenderei pochissime cose sul serio.

Sarei meno igienico,

correrei più rischi,

farei più viaggi,

guarderei più tramonti,

salirei più montagne,

nuoterei più fiumi,

andrei in posti dove mai sono andato,

mangerei più gelati e meno fave,

avrei più problemi reali e meno immaginari.

Io sono stato una di quelle persone che ha vissuto sensatamente

e precisamente ogni minuto della sua vita;

certo che ho avuto momenti di gioia

ma se potessi tornare indietro cercherei di avere soltanto buoni momenti.

Nel caso non lo sappiate, di quello è fatta la vita,

solo di momenti, non ti perdere l'oggi.

Io ero uno di quelli che mai andava in nessun posto senza un termometro,

una borsa d'acqua calda, un ombrello e un paracadute;

se potessi vivere di nuovo comincerei ad andare scalzo all'inizio della primavera

e continuerei così fino alla fine dell'autunno.

Farei più giri nella carrozzella,

guarderei più albe e giocherei di più con i bambini,

se avessi un'altra volta la vita davanti.

Ma guardate, ho 85 anni e so che sto morendo.

 

Di Jorge Luis Borges

gennaio